𝚿 SIPPAS

Società Italiana di Psichiatria e Psicologia Aeronautica e Spaziale

Home / Servizi / Associazione / Blog / Dash

99 - Ipertensione: l'alcol legato a rischi cardiaci

#Dipendenze #Salute

Per anni, gli esperti hanno propagandato un moderato consumo di alcol come protettivo contro le malattie cardiache. Ma un nuovo studio rileva che solo da sette a 13 drink a settimana possono far salire la pressione sanguigna.

Lo studio che, ha esaminato le cartelle cliniche di oltre 17.000 adulti statunitensi, ha scoperto che le persone che consumavano quantità moderate di alcool avevano una probabilità doppia rispetto ai non bevitori di sviluppare una forma più grave di ipertensione.

Amer Aladin, esperto di medicina cardiovascolare alla Wake Forest Baptist Health, e i suoi colleghi non hanno calcolato separatamente i rischi per le donne e gli uomini. Ma questo è un aspetto che i ricercatori hanno in programma di fare in futuro. In generale, alle donne già viene consigliato di consumare meno perché sono più vulnerabili agli effetti dell’alcol rispetto agli uomini.

Lo studio

Per esaminare l’impatto dell’alcol sulla pressione sanguigna, i ricercatori della Wake Forest hanno fatto riferimento al Terzo sondaggio nazionale sulla salute e la nutrizione (NHANES III), uno studio lungo decenni condotto dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. I ricercatori hanno analizzato i dati di 17.059 adulti statunitensi che hanno aderito al NHANES tra il 1988 e il 1994.

I partecipanti sono stati divisi in cinque gruppi, che dipendevano dal livello del consumo di alcol: astenuti; ex bevitori; quelli che consumavano da uno a sei bicchieri a settimana; quelli che consumavano da sette a 13 bicchieri a settimana; e forti bevitori che consumavano 14 o più drink a settimana.

Dopo aver considerato fattori come età, sesso, razza, abitudine al fumo, colesterolo e diabete, i ricercatori hanno scoperto che rispetto ai non bevitori, i bevitori moderati avevano 1,5 volte più probabilità di sviluppare ipertensione di stadio 1 e il doppio di probabilità di sviluppare lo stadio 2 di ipertensione. I bevitori pesanti avevano una probabilità 2,5 volte maggiore di sviluppare ipertensione grave rispetto ai non bevitori.

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://focustech.it/2019/03/10/ipertensione-bevande-problemi-cardiaci-235515

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it))

Articoli più recenti