Gli italiani sono i meno depressi d'Europa

La depressione infatti in Italia, colpisce una fetta della popolazione decisamente inferiore rispetto a quanto avviene negli altri Paesi europei. A rivelarlo sono i dati contenuti nel report dell'Istat.

In Italia infatti il 5,5% della popolazione soffre di depressione, mentre in Europa la media si aggira attorno al 7,1%.

Inoltre, in Italia si registra un numero di suicidi inferiore rispetto alla media europea: nel Belpaese il tasso di mortalità per suicidio è pari a 6 per 100mila residenti mentre la media europea è di 11 per 100mila. Quasi la metà.

La depressione però è in aumento tra gli anziani: tra gli over 65 infatti la percentuale raddoppia raggiungendo l'11,6% contro l'8,8% della media europea. Tra gli anziani, inoltre, i disturbi mentali come la depressione e l'ansia grave si presentano spesso insieme ad altre patologie croniche: tra le donne con più di 80 anni, ad esempio, una su 7 soffre di demenze o di Alzheimer.

La depressione inoltre colpisce maggiormente chi non lavora: dichiarano infatti di avere disturbi depressivi e ansia, nella fascia d'età compresa tra 35 e 64 anni, l'8,9% dei disoccupati e il 10,8% degli inattivi. La percentuale si abbassa al 3,5% se si considerano invece gli occupati.

L'Istat inoltre, considerando le dipendenze da droga come disturbo della sfera mentale, rileva un aumento di ricoveri: nel 2016 sono stati 6.575, vale a dire 108 ogni milione di residenti, con un aumento del 10% rispetto al 2015 soprattutto tra i giovani di 15-34 anni. .

Scritto da: alkaest2002 on Lunedì 10 Dicembre 2018 14:29.
Pubblicato in: psichiatria, psicologia, psicopatologia